Home » Posts tagged 'Clic'

Tag Archives: Clic

Come la pioggia

I Giusti. Storia di un salvataggio

Jan Brokken, I giusti, Iperborea, Milano, 2020 Secondo la tradizione ebraica talmudica, nel mondo ci sono sempre almeno 36 Giusti in qualsiasi momento della storia e sono questi i Giusti tra le nazioni. In questo libro si parla di Giusti. Uomini giusti, infatti, furono coloro che misero a repentaglio la propria vita per soccorrere e […]

I RACCONTI DI KAZAKÒV

Jurij Kazakòv, Alla stazione e altri racconti, Einaudi, Torino, 1964 Recensione a cura di Chiara Rantini Questi racconti sono stati scritti nella seconda metà degli anni ’50 del Novecento e sono di un autore che non è molto noto in Occidente. Risalgono quindi a un periodo in cui la letteratura in Russia era sotto il […]

LUOGO DI CONFINE

UN VIAGGIO LETTERARIO A TRIESTE E NELLE TERRE LIMITROFE di Chiara Rantini Di viaggi se ne possono fare di svariati tipi. Ci sono viaggi che coinvolgono solo l’aspetto motorio (rari e inutili), viaggi che sono totali in quanto condotti con la mente, con i piedi e col cuore e altri che chiamano in causa solo […]

I POETI EMOZIONALI (terza parte)

I Poeti Emozionali nascono da un’idea di Domenico Garofalo, affermato poeta torinese, nella notte del 9 giugno 2020. Intorno a questa intuizione si crea da subito un fermento poetico animato da amici scrittori sparsi in tutta Italia. Ciò che accomuna gli appartenenti a questo movimento, è l’amore per la poesia, la consapevolezza della necessità di […]

I POETI EMOZIONALI (seconda parte)

I Poeti Emozionali nascono da un’idea di Domenico Garofalo, affermato poeta torinese, nella notte del 9 giugno 2020. Intorno a questa intuizione si crea da subito un fermento poetico animato da amici scrittori sparsi in tutta Italia. Ciò che accomuna gli appartenenti a questo movimento, è l’amore per la poesia, la consapevolezza della necessità di […]

La stanza della poesia: JOHANNA FINOCCHIARO

 

La poetessa emozionale Johanna Finocchiaro https://www.poetiemozionali.it/johanna-finocchiaro.php ci presenta alcune delle sue poesie tratte dall’ultima raccolta Clic.

Buona lettura!

 

 

SE SOLO VOLESSI

Non sei stanco di negare

Di emigrare

Sfiorare

un’anima in transito senza le gambe?

 

Non sei stanco di pesare sospiri

Di pesare i pensieri

Erigere muri,

un corpo di stoffa senza le mani?

 

Non sei affranto per queste partite

Giocate e perdute

Di certo truccate,

un breve rimorso senza le labbra?

 

Se solo volessi rispondere

A te e a nessun altro

Sarebbe come scrivere,

per penna il cuore, al centro.

 

 

L’ACQUA CHE SCORRE

Sei come l’acqua.

Sei come l’acqua che scorre. Calda, fredda. Calda, Fredda. Rovente, sovente.

Culla di civiltà perse ma non perdute. Radice di case stanche. Veraci. Imperfette. Belle:

intonaco e crepe.

Osservo dal basso la materia di cui sei fatta.

Di cui non sono fatta.

E gli altri non sanno, ignoranti.

Non lo sanno.

Che ne sanno?

Mi riconoscono, in te. Sorridono, dicendolo. Sorridi tu, credendolo.

Gracchiano, le voci, sul viso mio. Attraversano, stridendo, il tuo.

Che spessi strati di tempo hanno incrostato. Ed un giorno in più, oggi.

Ti donano tutti quanti.

Loro non sanno.

La materia di cui sei fatta.

Di cui non sono fatta.

Gelosia e fierezza nello stesso bicchiere. Amaro il suo sorso, di fiele. Scolo di getto, scolo il fiele. Percorre la gola tutta.

A te non serve.

Sei come l’acqua. Rinvigorisci, rinfreschi, ravvivi.

Senza chiedere e senza bussare, racchiusa in argini rotti.

Sei l’acqua. Che mi scorre in vena. Invano.

Vene varicose, malate, viola. Fanno male.

E fai male tu, talvolta, onda d’urto ed urto d’onda, sulle pareti deboli d’esse.

Le riempi, dondolando, come riempivi i miei occhi, freschi. Appena sbocciati. Incolori.

Di latte.

Sei l’acqua che scorre. Bollente, marchiata d’estate; gelata, scolpita d’inverno.

Levighi e rinnovi e affoghi e lenisci e distruggi. A tuo gusto, a tuo comando,

talvolta al mio, che mi ribello e cambio e camuffo quegli occhi, cresciuti dal male e marciti.

Occhi che non riempi più. Neri. Di sale.

Bruci, acqua; disinfetti ferite che son difetti. Che son pazzia.

Impavida, senza elmo, segnata la carne tua dalla vendetta mia.

Guida maldestra, sovversiva maestra, unicorno di mare.

Ti seguono ancora quegli occhi neri sul cammino, a tratti tracciato, secco;

il sale, intanto, cade.

Perché? Istinto. Sopravvivenza.

Sei l’acqua.

E calda e fredda son io, come e per te.

Sei.

Bollente. Gelata.

Mi scappi di mano ma resti. A piccole gocce, piccola vita. Stremata, nei deserti,

anche allora, rischio.

Avventure già morte in partenza.

Eppure resti. Mi aspetti. Mi salvi. A piccole gocce, piccola vita.

Sei come l’acqua che scorre.

Scorri.

È amore

 

 

CLIC

Ho una madre. Un padre. Un fratello. Un nipote. Un tetto, un libro in testa, un libro in mano;

ho due mani.

Un gatto, grande e robusto, nero, un letto, tre sogni a dir poco.

Quattro o cinque a dir il vero.

Ho un Dio che mi ha creata a Sua immagine e di cui non ho sembianze.

Ho un tamburo che danza rituale e sbraita meschino di notte.

Ho un mondo. Il più delle volte, le volte buone.

E ricordo a me stessa quel mondo. Dovrei amarlo. Dovrei sentirlo. Dovrei staccarmi da terra, messaggera alata

e trovarlo.

Il panorama autentico, scevro d’egoismo. Mio. Mitologico.

Volare sopra di me, senza di me, concentrare la vista sul fuoco.

La scintilla: palesemente necessaria.

Ma proprio non può, no, prendersene merito. Della luce. Che da quella partenza cresce e muta e si ribella. E va, evaporando.

Io, io non lo posso fare. Non più. Comincio a capire.

E a fuggire dalla luce, lei, mia, che rendo buia perché buia sono. Ancora senz’ali.

Non sento niente e non so perché.

Umana compassione cercasi.

E le tragedie, anch’esse, non turbano. Non urtano. Le viscere non mi pungono.

Ma neppure son pazza, oggi, non son io quella pazza.

Un clic. Qualcosa in me ha fatto clic e non ritorna. Indietro.

Sciolgo i capelli, fili spezzati di un nastro nero alla luce di luna.

Dicembre comincia e prosegue la nenia.

Anemica di cuore, anemica d’amore.

La rima non é originale. La rima non era prevista.

Frugo e scavo e graffio ma non trovo. Quel geniale modo, il migliore, di confessare. Confessare.

Confessare che non sento niente e so perché.

Clic