Home » Posts tagged 'Donna filari d’alberi in voci poesia'

Tag Archives: Donna filari d’alberi in voci poesia

Come la pioggia

I Giusti. Storia di un salvataggio

Jan Brokken, I giusti, Iperborea, Milano, 2020 Secondo la tradizione ebraica talmudica, nel mondo ci sono sempre almeno 36 Giusti in qualsiasi momento della storia e sono questi i Giusti tra le nazioni. In questo libro si parla di Giusti. Uomini giusti, infatti, furono coloro che misero a repentaglio la propria vita per soccorrere e […]

I RACCONTI DI KAZAKÒV

Jurij Kazakòv, Alla stazione e altri racconti, Einaudi, Torino, 1964 Recensione a cura di Chiara Rantini Questi racconti sono stati scritti nella seconda metà degli anni ’50 del Novecento e sono di un autore che non è molto noto in Occidente. Risalgono quindi a un periodo in cui la letteratura in Russia era sotto il […]

LUOGO DI CONFINE

UN VIAGGIO LETTERARIO A TRIESTE E NELLE TERRE LIMITROFE di Chiara Rantini Di viaggi se ne possono fare di svariati tipi. Ci sono viaggi che coinvolgono solo l’aspetto motorio (rari e inutili), viaggi che sono totali in quanto condotti con la mente, con i piedi e col cuore e altri che chiamano in causa solo […]

I POETI EMOZIONALI (terza parte)

I Poeti Emozionali nascono da un’idea di Domenico Garofalo, affermato poeta torinese, nella notte del 9 giugno 2020. Intorno a questa intuizione si crea da subito un fermento poetico animato da amici scrittori sparsi in tutta Italia. Ciò che accomuna gli appartenenti a questo movimento, è l’amore per la poesia, la consapevolezza della necessità di […]

I POETI EMOZIONALI (seconda parte)

I Poeti Emozionali nascono da un’idea di Domenico Garofalo, affermato poeta torinese, nella notte del 9 giugno 2020. Intorno a questa intuizione si crea da subito un fermento poetico animato da amici scrittori sparsi in tutta Italia. Ciò che accomuna gli appartenenti a questo movimento, è l’amore per la poesia, la consapevolezza della necessità di […]

La stanza della poesia : BARBARA GABRIELLA RENZI

Ci sono periodi della mia vita in cui scrivo solo poesie. I versi mi rincorrono dovunque vada e permeano le mie giornate. Sono un alter ego che mi spiega la vita. In altri periodi scrivo storie brevi, soprattutto per bimbi. Adoro anche dipingere e dipingo le mie emozioni lasciando ai colori dettare la forma delle mondo. Ho studiato filosofia e psicologia. Sono una terapista cognitivo comportamentale e di tipo integrativo. Mi piace vivere vicino al mare, perché la sua canzone mi culla e mi calma.”

Barbara Gabriella Renzi, poetessa emozionale  (https://www.poetiemozionali.it/home.php) è nata a Nuoro nel 1972 e cresciuta a Roma. Scrive poesie e storie brevi.

Ha scritto fin da quando era una bimba. La sua prima storia s’intitolava “Marzietto e Marzieto: i due fratelli stellari”. Aveva sette anni. Con la casa editrice PAV edizioni ha pubblicato “Storie di Donne” e “Scaglie di Sapone”. Il primo libro prende spunto da foto di donne comuni per raccontare storie di coraggio e non comuni. Ogni storia inizia con dei versi poetici, che descrivono in sensazioni il fulcro del racconto. “Scaglie di Sapone” è un breve romanzo poetico, racconta la storia di Sara, una donna di cui conosciamo solo le emozioni, ma non i fatti che le accompagnano, e di cui sappiamo che hai capelli rossi. Forse conosciamo Sara più intimamente di altre donne.

Barbara con Ensemble edizioni ha pubblicato “Storie stellari”, una serie di storie per bambini e bambine: storie fantastiche che hanno, però, le loro radici ben piantate sulla Terra e insegnano i valori della pace, dell’amore per il prossimo.

Donna. Filari d’alberi in voci, Edda Edizioni. 2019, è il suo ultimo libro di poesie.

Questo libro nasce da conversazioni con molte donne: donne che ho incontrato sull’autobus, amiche di penna e conoscenti. Noi donne, a volte, ci raccontiamo storie e le storie racchiudono emozione. Ogni emozione che mi è stata trasmessa si trova qui, disegnata in queste parole, come per conservarla e non lasciarla scivolare come acqua saponata. Ogni poesia racconta una storia tramite le emozioni, una storia di donna per formare un quadro tridimensionale, una scultura di noi donne.

Ogni pennellata è un silenzio che vibra, una voce che sussurra: insieme formano un coro polifonico e una voce che si spande in onde, che viaggia fra le correnti del mondo, sperando di essere colta e fermata. E chi se non una donna qui a cogliere il fiore nel coro silenzioso di mille voci?

Un libro per viaggiare insieme su una piccola imbarcazione di carta forte abbastanza per cavalcare i venti. Ora le voci si chiedono se tu le ascolterai.

 

Lo sguardo

 

In sordi angoli muti

In chiari occhi tremuli

In orli d’orizzonti

In onde striate

In nenie di clessidre

In polvere antica

In musiche mute

In silenzi opachi

In foglie grigie

Osservi.