Home » Posts tagged 'Donna filari d’alberi in voci poesia'

Tag Archives: Donna filari d’alberi in voci poesia

Come la pioggia

Stefano Fortelli e la dark-poetry

INTERVISTA a cura di Chiara Rantini Chi è Stefano Fortelli? Quando ha avuto inizio la passione per la scrittura e perché? Ammesso che Stefano Fortelli esista, oggi è in larga parte la personalità che si evince dai suoi scritti. Ho cominciato a scrivere circa sette anni fa, ma non mi sento appassionato di scrittura più […]

COCCI DI BOTTIGLIA, silloge di Benedetto Ghielmi

Benedetto Ghielmi, Cocci di bottiglia, 2000diciassette ed., 2020 Cocci di bottiglia è la prima raccolta poetica di Benedetto Ghielmi, autore molto attivo nel panorama degli scrittori emergenti. Già dal titolo, si ha la sensazione di entrare in un mondo frantumato dove però, l’intenzione del poeta è quella di ricomporre ciò che è andato in pezzi. […]

Nel mondo ucronico di Sparta

Acciai Baggiani, Altomare, Calamandrei, Lercari, Menzinger di Preussenthal, Ninzatti, Prosperi, Sparta ovunque. Sette racconti ambientati nell’universo di Via da Sparta, Tabula Fati, Chieti, 2020 L’antologia Sparta ovunque raccoglie sette racconti di altrettanti autori ambientati nel mondo ucronico della saga “Via da Sparta” ideata da Carlo Menzinger di Preussenthal. Un mondo, quello ideato da Menzinger, molto […]

Carlo Michelstaedter, poeta senza età

Sono solo alcuni pensieri sparsi quelli che trascrivo in questo breve testo, nato dall’esigenza di ricordare il poeta goriziano nell’anniversario della sua morte (110 anni, 17 ottobre 1910): un poeta, per molti aspetti dimenticato, forse riscoperto solo recentemente. Sono stata più volte nella sua Gorizia, una città che fino a non molto tempo fa, era […]

Parole Migranti, antologia di voci dalla diaspora

Autori Vari, Parole migranti, a cura di Barbara Gabriella Renzi, PAV edizioni, 2020 Un senso di nostalgia pervade il lettore sin dai primi versi di questa raccolta di poesie, racconti, lettere, diari e annotazioni, opera di numerose autrici accomunate dal fatto di essere donne e di vivere o di aver vissuto all’estero. “Parole migranti” infatti […]

La stanza della poesia : BARBARA GABRIELLA RENZI

Ci sono periodi della mia vita in cui scrivo solo poesie. I versi mi rincorrono dovunque vada e permeano le mie giornate. Sono un alter ego che mi spiega la vita. In altri periodi scrivo storie brevi, soprattutto per bimbi. Adoro anche dipingere e dipingo le mie emozioni lasciando ai colori dettare la forma delle mondo. Ho studiato filosofia e psicologia. Sono una terapista cognitivo comportamentale e di tipo integrativo. Mi piace vivere vicino al mare, perché la sua canzone mi culla e mi calma.”

Barbara Gabriella Renzi, poetessa emozionale  (https://www.poetiemozionali.it/home.php) è nata a Nuoro nel 1972 e cresciuta a Roma. Scrive poesie e storie brevi.

Ha scritto fin da quando era una bimba. La sua prima storia s’intitolava “Marzietto e Marzieto: i due fratelli stellari”. Aveva sette anni. Con la casa editrice PAV edizioni ha pubblicato “Storie di Donne” e “Scaglie di Sapone”. Il primo libro prende spunto da foto di donne comuni per raccontare storie di coraggio e non comuni. Ogni storia inizia con dei versi poetici, che descrivono in sensazioni il fulcro del racconto. “Scaglie di Sapone” è un breve romanzo poetico, racconta la storia di Sara, una donna di cui conosciamo solo le emozioni, ma non i fatti che le accompagnano, e di cui sappiamo che hai capelli rossi. Forse conosciamo Sara più intimamente di altre donne.

Barbara con Ensemble edizioni ha pubblicato “Storie stellari”, una serie di storie per bambini e bambine: storie fantastiche che hanno, però, le loro radici ben piantate sulla Terra e insegnano i valori della pace, dell’amore per il prossimo.

Donna. Filari d’alberi in voci, Edda Edizioni. 2019, è il suo ultimo libro di poesie.

Questo libro nasce da conversazioni con molte donne: donne che ho incontrato sull’autobus, amiche di penna e conoscenti. Noi donne, a volte, ci raccontiamo storie e le storie racchiudono emozione. Ogni emozione che mi è stata trasmessa si trova qui, disegnata in queste parole, come per conservarla e non lasciarla scivolare come acqua saponata. Ogni poesia racconta una storia tramite le emozioni, una storia di donna per formare un quadro tridimensionale, una scultura di noi donne.

Ogni pennellata è un silenzio che vibra, una voce che sussurra: insieme formano un coro polifonico e una voce che si spande in onde, che viaggia fra le correnti del mondo, sperando di essere colta e fermata. E chi se non una donna qui a cogliere il fiore nel coro silenzioso di mille voci?

Un libro per viaggiare insieme su una piccola imbarcazione di carta forte abbastanza per cavalcare i venti. Ora le voci si chiedono se tu le ascolterai.

 

Lo sguardo

 

In sordi angoli muti

In chiari occhi tremuli

In orli d’orizzonti

In onde striate

In nenie di clessidre

In polvere antica

In musiche mute

In silenzi opachi

In foglie grigie

Osservi.