Home » Posts tagged 'poeta emozionale'

Tag Archives: poeta emozionale

Come la pioggia

Stefano Fortelli e la dark-poetry

INTERVISTA a cura di Chiara Rantini Chi è Stefano Fortelli? Quando ha avuto inizio la passione per la scrittura e perché? Ammesso che Stefano Fortelli esista, oggi è in larga parte la personalità che si evince dai suoi scritti. Ho cominciato a scrivere circa sette anni fa, ma non mi sento appassionato di scrittura più […]

COCCI DI BOTTIGLIA, silloge di Benedetto Ghielmi

Benedetto Ghielmi, Cocci di bottiglia, 2000diciassette ed., 2020 Cocci di bottiglia è la prima raccolta poetica di Benedetto Ghielmi, autore molto attivo nel panorama degli scrittori emergenti. Già dal titolo, si ha la sensazione di entrare in un mondo frantumato dove però, l’intenzione del poeta è quella di ricomporre ciò che è andato in pezzi. […]

Nel mondo ucronico di Sparta

Acciai Baggiani, Altomare, Calamandrei, Lercari, Menzinger di Preussenthal, Ninzatti, Prosperi, Sparta ovunque. Sette racconti ambientati nell’universo di Via da Sparta, Tabula Fati, Chieti, 2020 L’antologia Sparta ovunque raccoglie sette racconti di altrettanti autori ambientati nel mondo ucronico della saga “Via da Sparta” ideata da Carlo Menzinger di Preussenthal. Un mondo, quello ideato da Menzinger, molto […]

Carlo Michelstaedter, poeta senza età

Sono solo alcuni pensieri sparsi quelli che trascrivo in questo breve testo, nato dall’esigenza di ricordare il poeta goriziano nell’anniversario della sua morte (110 anni, 17 ottobre 1910): un poeta, per molti aspetti dimenticato, forse riscoperto solo recentemente. Sono stata più volte nella sua Gorizia, una città che fino a non molto tempo fa, era […]

Parole Migranti, antologia di voci dalla diaspora

Autori Vari, Parole migranti, a cura di Barbara Gabriella Renzi, PAV edizioni, 2020 Un senso di nostalgia pervade il lettore sin dai primi versi di questa raccolta di poesie, racconti, lettere, diari e annotazioni, opera di numerose autrici accomunate dal fatto di essere donne e di vivere o di aver vissuto all’estero. “Parole migranti” infatti […]

La stanza della poesia: JOHANNA FINOCCHIARO

 

La poetessa emozionale Johanna Finocchiaro https://www.poetiemozionali.it/johanna-finocchiaro.php ci presenta alcune delle sue poesie tratte dall’ultima raccolta Clic.

Buona lettura!

 

 

SE SOLO VOLESSI

Non sei stanco di negare

Di emigrare

Sfiorare

un’anima in transito senza le gambe?

 

Non sei stanco di pesare sospiri

Di pesare i pensieri

Erigere muri,

un corpo di stoffa senza le mani?

 

Non sei affranto per queste partite

Giocate e perdute

Di certo truccate,

un breve rimorso senza le labbra?

 

Se solo volessi rispondere

A te e a nessun altro

Sarebbe come scrivere,

per penna il cuore, al centro.

 

 

L’ACQUA CHE SCORRE

Sei come l’acqua.

Sei come l’acqua che scorre. Calda, fredda. Calda, Fredda. Rovente, sovente.

Culla di civiltà perse ma non perdute. Radice di case stanche. Veraci. Imperfette. Belle:

intonaco e crepe.

Osservo dal basso la materia di cui sei fatta.

Di cui non sono fatta.

E gli altri non sanno, ignoranti.

Non lo sanno.

Che ne sanno?

Mi riconoscono, in te. Sorridono, dicendolo. Sorridi tu, credendolo.

Gracchiano, le voci, sul viso mio. Attraversano, stridendo, il tuo.

Che spessi strati di tempo hanno incrostato. Ed un giorno in più, oggi.

Ti donano tutti quanti.

Loro non sanno.

La materia di cui sei fatta.

Di cui non sono fatta.

Gelosia e fierezza nello stesso bicchiere. Amaro il suo sorso, di fiele. Scolo di getto, scolo il fiele. Percorre la gola tutta.

A te non serve.

Sei come l’acqua. Rinvigorisci, rinfreschi, ravvivi.

Senza chiedere e senza bussare, racchiusa in argini rotti.

Sei l’acqua. Che mi scorre in vena. Invano.

Vene varicose, malate, viola. Fanno male.

E fai male tu, talvolta, onda d’urto ed urto d’onda, sulle pareti deboli d’esse.

Le riempi, dondolando, come riempivi i miei occhi, freschi. Appena sbocciati. Incolori.

Di latte.

Sei l’acqua che scorre. Bollente, marchiata d’estate; gelata, scolpita d’inverno.

Levighi e rinnovi e affoghi e lenisci e distruggi. A tuo gusto, a tuo comando,

talvolta al mio, che mi ribello e cambio e camuffo quegli occhi, cresciuti dal male e marciti.

Occhi che non riempi più. Neri. Di sale.

Bruci, acqua; disinfetti ferite che son difetti. Che son pazzia.

Impavida, senza elmo, segnata la carne tua dalla vendetta mia.

Guida maldestra, sovversiva maestra, unicorno di mare.

Ti seguono ancora quegli occhi neri sul cammino, a tratti tracciato, secco;

il sale, intanto, cade.

Perché? Istinto. Sopravvivenza.

Sei l’acqua.

E calda e fredda son io, come e per te.

Sei.

Bollente. Gelata.

Mi scappi di mano ma resti. A piccole gocce, piccola vita. Stremata, nei deserti,

anche allora, rischio.

Avventure già morte in partenza.

Eppure resti. Mi aspetti. Mi salvi. A piccole gocce, piccola vita.

Sei come l’acqua che scorre.

Scorri.

È amore

 

 

CLIC

Ho una madre. Un padre. Un fratello. Un nipote. Un tetto, un libro in testa, un libro in mano;

ho due mani.

Un gatto, grande e robusto, nero, un letto, tre sogni a dir poco.

Quattro o cinque a dir il vero.

Ho un Dio che mi ha creata a Sua immagine e di cui non ho sembianze.

Ho un tamburo che danza rituale e sbraita meschino di notte.

Ho un mondo. Il più delle volte, le volte buone.

E ricordo a me stessa quel mondo. Dovrei amarlo. Dovrei sentirlo. Dovrei staccarmi da terra, messaggera alata

e trovarlo.

Il panorama autentico, scevro d’egoismo. Mio. Mitologico.

Volare sopra di me, senza di me, concentrare la vista sul fuoco.

La scintilla: palesemente necessaria.

Ma proprio non può, no, prendersene merito. Della luce. Che da quella partenza cresce e muta e si ribella. E va, evaporando.

Io, io non lo posso fare. Non più. Comincio a capire.

E a fuggire dalla luce, lei, mia, che rendo buia perché buia sono. Ancora senz’ali.

Non sento niente e non so perché.

Umana compassione cercasi.

E le tragedie, anch’esse, non turbano. Non urtano. Le viscere non mi pungono.

Ma neppure son pazza, oggi, non son io quella pazza.

Un clic. Qualcosa in me ha fatto clic e non ritorna. Indietro.

Sciolgo i capelli, fili spezzati di un nastro nero alla luce di luna.

Dicembre comincia e prosegue la nenia.

Anemica di cuore, anemica d’amore.

La rima non é originale. La rima non era prevista.

Frugo e scavo e graffio ma non trovo. Quel geniale modo, il migliore, di confessare. Confessare.

Confessare che non sento niente e so perché.

Clic